Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Duke

Oggi mentre andavo in bici verso il Vignale, mi sono imbattuta in questo scemottone di cane, che poi ho scoperto chiamarsi Duke. Duke si era allontanato dal suo padrone mentre erano nel bosco e stazionava su via Vecchiora con la faccia di uno che pensa: “eccolo lì, mi son perso, e adè?”.
Ho provato ad avvicinarlo, anche perché stava pericolosamente in mezzo alla strada, ma non era molto propenso a fare nuove conoscenze. Come dargli torto, del resto.
Mi sono guardata intorno e ho chiesto alle persone nelle vicinanze se lo conoscessero: di quattro che ho fermato, altrettanti mi hanno risposto di no e sono tornati a battersene il belino. Un tizio da un’auto in corsa mi ha anche gridato che i cani vanno tenuti al guinzaglio; il fatto che fossi in bici, vestita da ninja, col casco e tutto, non gli ha impedito di pensare che fosse il mio cane.
Non sapendo che altro fare, ho scattato un paio di foto a Duke da postare su Facebook per poi proseguire il mio giro e bona, ma appena risalita in sella mi sono sentita una merda e ho pensato che se lo avessero messo sotto sarebbe stata colpa mia, che non ero meglio di quelli che avevo fermato, che me ne stavo battendo il belino. Perciò ho posato di nuovo la bici e ho riprovato a farlo avvicinare: mi ha fatto il dito medio, ma dopo qualche tentativo sono riuscita a fotografargli malamente la medaglietta su cui era scritto il nome e, dall’altro lato, un numero di telefono. Nonostante la foto sfocata e con l’ultima cifra visibile soltanto a metà, ho azzeccato il numero al primo colpo e ho rintracciato il padrone del cane. Mentre ero al telefono con lui, è arrivato il cognato, che era già stato precedentemente allertato; ha recuperato Duke e fine della storia.
La morale è che molto probabilmente il cane si sarebbe salvato anche se me ne fossi battuta il belino; io, invece, avrei perso l’ennesima occasione per fare un pochino meno peggio di come troppo spesso sono portata a fare dalla pigrizia, dalle paure, da quel senso di inettitudine in cui a volte mi piace tanto sguazzare.

One Reply to “Duke”

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: